6 ° forum di innovazione culturale. 2045: Torna al nostro futuro

Per la sua 6a edizione, il Forum sull'innovazione culturale si terrà il martedì 1° dicembre 2015 il Museo dipartimentale dell'antica Arles.
Organizzato dalla Pole Industries Culturelles & patrimoni, l'Innovation Forum
Cultural crea condizioni di incontri tra professionisti e studenti di tutto
temi dei progetti innovativi ed esemplare nei settori della cultura e
eredità.
Per cinque anni, questo evento riunisce più di 200 partecipanti, su vari temi: "delle tecniche di ripensare la mediazione e la diffusione", "Cultivating o intrattenere?", «Territori di collaborazione», «la transdisciplinarità e creatività, nuove pratiche della cultura e del patrimonio artigianato, tra gli altri.
Ai lati del palo, il coinvolgimento della formazione centri, l'amministrazione di IUP di culturale, la scuola MOPA, all'Università di Avignone e il Pays de Vaucluse e la scuola DEP ' arte, permette ogni anno ottenere qualità e rinomati professionisti.

Forum si terrà quest'anno sotto l'angolo "2045: Torna al nostro futuro" di affrontare sviluppi degli usi e pratiche culturali attraverso tecniche di potenziali.

Nel 1989, il regista americano Robert Zemekis girato il sequel di ritorno al futuro, un film in cui l'azione si svolge nel 2015.

Questo secondo capitolo della trilogia, che ha segnato molti adolescenti dell'epoca, è un elemento di discussione corrente sui social network.

In che misura ciò che è stato presentato nel 1989 sarebbe reale 30 anni più tardi?

Oggi alcune invenzioni presentati in questo film stanno per essere commercializzati.

Tuttavia, la visione futuristica di Zemeckis è molto lontano dalla realtà attuale.

Questo viaggio nella fantasia ci chiede circa la nostra capacità di ci proiettano nel futuro.

Come interrogare il futuro e le nostre pratiche culturali dopodomani?

Una dozzina di soggetti interessati verrà condividere le loro esperienze ed esprimere un parere sulle modifiche a modelli e attori della cultura, nel trattare con i concetti di valutazione situazione attuale e prospettico di capire domani.

Questi scambi e feedback sarà seguite da una presentazione di un lavoro prospettico di studenti (Università di Aix-Marseille – amministrazione IUP di istituzioni culturali, scuola MOPA, Università di Avignone e il Pays de Vaucluse – mediazioni di maestri di cultura e patrimonio e cultura pubblica e comunicazione) sulle pratiche culturale di domani.

Cercare di capire come guardare utilizzando gli strumenti prospettici per inventare il futuro delle nostre pratiche culturale e appuntamento in 20 anni per fare il punto!

Arles 2015Dopo la conferenza inaugurale di Alain Giffard, direttore del gruppo di interesse scientifico 'Cultura & Media' digitale, che saranno anche una tavola rotonda moderata da Rémi Sabouraud, sapore di agenzia delle idee, con:

  • Philippe Chantepie, ispettore generale, Ispettorato generale di affari culturali (IGAC) presso il Ministero della cultura e della comunicazione
  • Ludovic Maggioni, responsabile del servizio di esposizioni alla Casemate Grenoble e professore associato presso la Université Stendhal responsabile master in comunicazione scientifica e tecnica
  • Jean-Michel Tobelem, direttore dell'Istituto di studi e ricerche opzione cultura
  • Cédric Claquin, consulente in comunicazione, general Manager Assistant di 1D Lab (CEEBIOS)

Per ulteriori informazioni, fare clic qui.

Programma e registrazione obbligatoria (numero limitato di posti)

Contatto
T. 04 90 99 08 43

afolcher@Industries-culturelles-Patrimoines.fr

Leave a Reply