Soluzioni per la democratizzazione della cultura?

Ecco la presentazione della relazione alla Jean Jaurès Foundation sulla democratizzazione dell'accesso a strutture culturali pubbliche ed eventi.

Scaricare gratis: cultura per tutti JM TOBELEM 2016

Cultura per tutti

Abbiamo davvero provato di tutto per accogliere un pubblico più vario in istituzioni culturali ancora riservate per privilegiati? Jean-Michel Tobelem risponde formulando proposte concrete e nuove. Sì, una maggiore democratizzazione cultura è possibile!

Jean-Michel Tobelem prova promemoria la riflessione sulla democratizzazione dell'accesso alle istituzioni culturali in Francia. Oggi, che compongono il loro pubblico? Quando 2-3% solo dei lavoratori frequentare musei, posti a sinistra così free solo "utilizzato cultura", come ripristinare l'uguaglianza? Come migliorare la capacità delle istituzioni culturali per ospitare un pubblico diversificato sociologia?

L'autore si sforza di mostrare i limiti degli attuali strumenti politici e indicare le linee di pensiero al fine di agire in modo più efficace per la democratizzazione dell'accesso ai luoghi culturali e l'allargamento dello spettro sociologico culturale pubblico.

Come primo passo, Jean-Michel Tobelem esamina le questioni legate alla democratizzazione culturale. Se l'accesso alla cultura sembra un buon democratico che ogni cittadino deve essere in grado di godere, opinioni contraddittorie sono molti. L'avvocato che la democratizzazione della cultura sarebbe, per esempio, di adottare una forma di superiorità paternalistico.

Tuttavia, tutti gli individui partecipano al finanziamento dei siti culturali, ma tutti non sono allo stesso modo. Disuguaglianze in pratiche culturali rafforzano il rischio di elitisation in importanti istituzioni culturale.

Così uno può rimpiangere la mancanza di impegno di quest'ultimo per arginare il fenomeno. Azione a favore della democratizzazione non sono priorità, prova dalla figura: un Museo Nazionale di Parigi di medie dimensioni accoglie i suoi visitatori a meno di 1% dei lavoratori.

Detto questo, le disuguaglianze francese non sono un caso isolato. Un terzo degli europei hanno mai o quasi mai partecipato alle attività culturali. Il sociodemografici possono rendere ragione di un tale risultato, ma sono anche spiegabili dal ritiro graduale dei governi in questa zona.

Attraverso l'Atlantico, un sondaggio del 2008 evidenzia il collegamento fra pratica culturale e livello di istruzione e indica che la partecipazione degli americani in un'attività culturale è sceso del 20% dal 2002. Il problema cultura non è chiaramente parte delle preoccupazioni politiche del primo ordine.

Quindi si concentra sulle direzioni prese recentemente a democratizzare ulteriormente le istituzioni culturali. Presto, i loro limiti appaiono, si tratti di politica o risultati.

Strumenti digitali, ad esempio, non hanno ampliato il pubblico cultura per gruppi fino a poi trascurato. Invece, l'uso di Internet Replay le disuguaglianze esistenti e rafforza anche i collegamenti con le istituzioni culturali pubbliche già consuetudine.

La creazione del Centre Pompidou mobile e l'inaugurazione del Louvre-Lens non hanno raggiunto gli obiettivi attesi e difetti sono evidenti: la mancanza di comunicazione, insufficiente coordinamento con relè locale, basso ancoraggio territoriale.

Le soluzioni avanzate dall'autore in forma di proposte e raccomandazioni, prendere in considerazione diversi livelli di intervento, che vanno dall'istituzione culturale a livello nazionale attraverso la scala territoriale.

Questi tre tipi di approcci – 'micro', 'meso', 'macro' – hanno il vantaggio di offrire diverse angolazioni, margini di progressione possibile una visione completa ad ulteriori democratizzare l'accesso alle istituzioni culturale pubbliche.

Migliorare gli strumenti che permettono di conoscere con precisione il profilo pubblico, preferito moderazione di tariffa e dare che più risorse alla comunicazione sono misure a livello 'micro', per attirare un pubblico più eterogeneo.

Evitare l'effetto "fuori terra" di un'istituzione culturale, sviluppare il volontariato, riconnettersi con le dinamiche del turismo, aperti tutto l'anno teatri sarebbero, a livello di 'meso', per incontrare lo stesso effetto.

Infine, rafforzamento del ruolo della scuola, approfittare della giovinezza e reti di Sport, di cogliere più del sistema di radiodiffusione pubblica sarebbe, 'macro', risorse aggiuntive per la democratizzazione delle istituzioni culturali a livello nazionale.

Ma è misure che dovrebbero iniziare: educare i funzionari eletti e personale delle istituzioni, libero accesso ai dati per stabilire politiche secondo la reale presenza di pubblico diverso, valorizzando quelli il cui compito è appunto quello di studiare istituzioni culturali del pubblico, di cui ambiziose ma realistici obiettivi o addirittura aumentare il bilancio della democratizzazione dei luoghi culturali.

Jean-Michel Tobelem contributo alla riflessione sui mezzi di democratizzazione culturale è così completamente girato verso l'attuazione concreta di questi mezzi. Resta da creatori di lussuria e farne una priorità.

Raccontaci le tue esperienze nella democratizzazione culturale!

 

Leave a Reply